Lettera di ringraziamento di Raffaella Pomposelli alla Presidente FIAMO e al Consiglio Direttivo per il Congresso Nazionale


Alla Presidente FIAMO, al Consiglio Direttivo FIAMO

A Tutti i partecipanti all’ VIII° Congresso FIAMO – Verona 21.22.23.novembre 2008

Antonella carissima e carissimi tutti,
ora che anche l’ultimo conto è stato ultimato, desidero esprimervi la riconoscenza  mia e della Scuola di Medicina Omeopatica di Verona per averci offerto l’occasione di crescere sia come professionisti che come donne e uomini. L’accoglienza, la professionalità, l’organizzazione, hanno fornito a tutti l’opportunità di sentirsi a proprio agio, di partecipare a tutte le sessioni del Congresso con relazioni, riflessioni e spunti che lo hanno altamente qualificato. Tutti abbiamo dato a piene mani e il meglio di noi in un corale e vincente lavoro di squadra…i più sono tornati nel proprio quotidiano con un piccolo ma prezioso bagaglio che li accompagnerà e li sosterrà nel perfezionare il proprio lavoro.

Ho riflettuto a lungo …desidero condividere con Voi le mie considerazioni.

Il confronto fra le metodologie iniziato a febbraio, in questo Congresso ha avuto il primo vero scambio fra i Direttori delle Scuole. Ha messo in rilievo le differenze e le affinità, ma soprattutto ha dimostrato nei fatti che il confronto è possibile: le differenze  diventano ricchezza per tutti, se il confronto è  fatto nel rispetto delle regole condivise. Ancora una volta la centralità del paziente con la sua realtà sintomatologica, ci ha inchiodati e obbligati a guardare lui…la sua sofferenza! Sono emerse osservazioni puntuali: il tempo di follow-up non inferiore a 6 mesi nella cura delle malattie croniche, l’indispensabile osservanza del consenso informato (Valeri).

Ci si è domandati se nelle malattie croniche conclamate sia possibile accedere e curare la Causa profonda di malattia(Federico, Pomposelli). Si è sottolineata l’importanza dell’intenzionalità che c’è dietro ogni sintomo e dell’osservazione della sua evoluzione verso la Salute (Rezzani).Il momento di confronto sulla posologia ha  evidenziato quanto l’esperienza clinica di uno di noi possa essere di aiuto per tutti. Alcuni hanno sostenuto che per la propria esperienza occorreva continuare le somministrazioni plurime quotidiane (Bettio, Gualea, Ronchi), altri avrebbero ridotto o sospeso il rimedio (Abbate, De Blasi, Magnetti), altri consigliavano l’uso delle LM (Federico). E’ probabilmente possibile  prescrivere il farmaco corretto, alla posologia più coerente secondo il preciso e individuale livello di salute in cui il paziente si trova…ma dobbiamo ancora studiarlo a fondo.

Il confronto sui fatti per me è indispensabile per crescere ed uscire dall’angolo dove  ci relegano  dove spesso noi stessi  ci releghiamo. Mi piacerebbe che la IRSMO con il suo Direttore Pietro Federico, iniziassero un’ altra possibilità di confronto su un loro paziente cronico, per poter imparare e comprendere il senso di distinguere i sintomi in sifilitici, sicotici, psorici. Ma il sintomo che esprime la complessa totalità del paziente non è sempre trimiasmatico? Che cosa dobbiamo curare, come leggere la reazione alla somministrazione del rimedio, che cosa nel concreto occorre osservare perché possiamo affermare: sto curando la Causa profonda di malattia? Siamo pronti a questo ulteriore passo di confronto?

La partecipazione di relatori esterni e di altre discipline come Calmer e Domenighetti, ci hanno mostrato che competenze diverse, che studiano la realtà Sanità-Salute da angolazioni proprie, convergono con i paradigmi che guidano l’applicazione dei principi dell’Omeopatia. Ci siamo sentiti sostenuti nella nostra pratica clinica quotidiana:è stato illuminante, incoraggiante sentirci confermare che la “medicalizzazione della vita” divora le risorse, non qualifica la vita dei nostri pazienti, né l’allunga, ma la sfrutta e che  non è banale “ideologia di omeopati fanatici”.Il sapere di far parte di un movimento ampio, innovativo, ci motiva ad essere più decisi, meno timidi, a utilizzare la nostra competenza con forza, passione, determinazione. Ci fa sentire nel “giusto”. Non ci fa sentire isolati.

Le sessioni di clinica sia veterinaria che umana, hanno sottolineato ancora quanto poco conosciamo delle sconfinate possibilità del rimedio prescritto secondo la Legge dei Simili.

L’individualità del paziente e le casistiche con grandi numeri sono conciliabili. Il lavoro sull’influenza 2007 e la proposta di protocollo per l’influenza 2008 sta ponendo le basi per iniziare a raccogliere casi clinici, a cui tutti possono partecipare, imparare a lavorare insieme, nel rispetto dei principi e del linguaggio omeopatici.

La proposta di raccolta di casi tumorali umani e veterinari e la creazione di un Centro Oncologico, ritengo sia stata la più alta espressione di integrazione dei Saperi e di possibilità di crescita interdisciplinare. Richiede alta professionalità e altissime capacità umane di umiltà, di voglia di condivisione e di conoscenza.

E’ emersa la questione annosa della costruzione di una Banca Dati: si è chiarito che ci sono due momenti con modalità ed esigenze differenti. Il primo è il momento della raccolta dati che richiede uno strumento snello, agile, più semplice possibile, perché possa essere utilizzato dai più nel rispetto delle varie capacità tecniche dei partecipanti, deve dare autonomia, non creare dipendenza.

Il secondo momento è l’archiviazione. E’ più complesso, richiede tempo, ha esigenze internazionali nel linguaggio e negli standards condivisi con altre nazioni. I due steps  non possono essere confusi né utilizzati in tempi e modi non propri .Credo che Rezzani debba trovare insieme con le differenti realtà, una soluzione condivisibile. Non si possono più sprecare risorse preziose, ora che si sta creando un folto numero di medici e veterinari motivati e fortemente collaborativi.

Ho sentito forte la necessità di unire le competenze SIMO-FIAMO per formulare un modulo semplice, essenziale, da distribuire a tutti gli omeopati relativo alla Farmacovigilanza. È necessario un controllo serio e puntuale. La Scuola di Verona potrebbe aiutare a organizzare una giornata di studio aperta a tutti  su Farmacovigilanza e su come accedere alla bibliografia internazionale. Sono certa che Nunzio Chiaramida e Andrea Valeri potrebbero insegnarci molto. Potremmo pubblicare i dati raccolti sui nostri siti e riviste.

Pindaro Mattoli ha lavorato intensamente per preparare la Legge Regionale per l’Omeopatia e la Proposta di Legge Nazionale, il tutto è stato consegnato all’Assessore alle Politiche Sanitarie della Regione Veneto Sandro Sandri, l’evento è stato pubblicato su “ L’Arena” di Verona. Sono decisa e convinta che dobbiamo impegnarci perché se non in questo finale di legislatura, nella prossima la Legge Nazionale passi.

Il Comitato di Bioetica di Milano Melegnano dando parere Favorevole per lo svolgimento del protocollo sperimentale sulle neuropatie diabetiche ha  recepito la scientificità dell’ Omeopatia.

Nel segnalare questi focus di riflessione  mi rendo ancor di più conto di quanto sia stato denso questo Congresso, di quanto ci abbia fatto discutere, di quanto ci ha fatto crescere…

E’ proprio bella la sensazione di pienezza e di gratitudine che mi riempie il cuore…lavorare insieme, eleva il senso dell’esistenza e mi da’ una sottile e intima commozione.

Raffaella Pomposelli

Direttrice della Scuola di Medicina Omeopatica di Verona

Milano 3 dicembre 2008

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.