MILLEPROROGHE: BUONE NOTIZIE PER FARMACI OMEOPATICI


MILLEPROROGHE: BUONE NOTIZIE PER FARMACI OMEOPATICI

(AGI Sanità) – Roma, 15 feb. – E’ stato approvato nell’aula di Palazzo Madama, con voto trasversale, un emendamento al decreto milleproroghe, presentato dal senatore dei Verdi Gianpaolo Silvestri, che favorisce le medicine non convenzionali. ‘Con questa norma – spiega il senatore del gruppo Verdi – Consumatori – Pdci – i cittadini che fanno ricorso ai farmaci omeopatici e antroposofici potranno stare tranquilli: continueranno a trovare i loro prodotti nelle farmacie e non dovranno ricorrere a paesi esteri. Pericolo che si correva se avessimo lasciato la normativa attuale. Infatti, il governo Berlusconi aveva recepito in maniera restrittiva la direttiva europea sui farmaci, penalizzando quelli omeopatici e antroposofici. L’esecutivo di allora, infatti, avendo fissato il termine di autorizzazione al 31 dicembre 2008, non avrebbe avuto il tempo per predisporre regole e modalita’ per la registrazione dei prodotti gia’ in commercio. Non a caso, altri paesi europei si sono dati termini piu’ ampi. La data fissata dal mio emendamento proroga i tempi fino al 2015, come e’ stato fatto la Francia. I medicinali omeopatici e antroposofici, attualmente in commercio in Italia, sono valutati in 50.000 specialita’. Cio’ conferma l’interesse dei nostri cittadini nei confronti di queste forme di medicina. Va, inoltre, fatto rilevare che la richiesta di un’idonea documentazione tecnico – scientifica, necessaria per l’autorizzazione alla vendita, e’ una garanzia per i cittadini. E’, quindi, una buona notizia per la salute dei cittadini, per chi fa uso delle medicine non convenzionali e per la nostra industria. Ed e’ un buon viatico per la discussione sulle medicine non convenzionali avviata nella commissione igiene e sanita’ del Senato’.

 

13:54 15 FEB 2007

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.