Proving Omeopatico alla Scuola di Verona

Direttore del Proving: Dr. Gustavo Dominici


Il 4 Aprile 2009, alla Scuola di Medicina Omeopatica di Verona, è iniziato il Proving Omeopatico diretto dal Dott. Gustavo Dominici.

METODOLOGIA DEL PROVING
– DIRETTORE DEL PROVING: Dr. G. Dominici
– COORDINATORE: Dr.ssa R. Pomposelli
– SUPERVISORI (5): Dr.ssa E. Tonini, Dr.ssa I. Mariani, Dr.ssa D. Pinotti, Dr. M. Impallomeni, Dr. D. Bettio
– PROVERS (12)
– SOSTANZA (?)
– POTENZA (?)
– ASSUNZIONE DELLA SOSTANZA (4 x 7 g)
– PLACEBO (?)
– TRASCRIZIONE DEI SINTOMI
– DURATA DEL PROVING (30 g > 60 g)

LA SOSTANZA
– La sostanza dinamizzata viene scelta del Direttore, che ne è l’unico a conoscenza. Ciò assicura l’esecuzione del Proving in triplo cieco (Coordinatore, Supervisori, Provers).
– La Ditta Ce.M.O.N.-UNDA ha fornito la sostanza in più flaconi di soluzione idroalcolica.
– A discrezione del Direttore sono inseriti o meno dei flaconi placebo.
– La distribuzione dei flaconi è random.

IL DIRETTORE
– Il Direttore è colui che organizza il Proving.
– E’ l’unico a conoscere la sostanza dinamizzata oggetto dell’esperimento.
– Conserva i codici di ciascun Prover e del flacone che ognuno di essi ha ricevuto.
– Partecipa con il Coordinatore ad ogni decisione che si possa richiedere nello svolgimento del Proving.
– Organizza un incontro finale con il Coordinatore, i Supervisori ed i Provers per ulteriormente definire i sintomi.

IL COORDINATORE
– Il Coordinatore è colui che verifica che il Proving proceda come stabilito.
– Non è a conoscenza del rimedio che viene sperimentato. Ciò assicura assenza di pregiudizi rispetto alla sostanza.
– Riceve una volta a settimana i sintomi raccolti da ogni Supervisore.
– Verifica la qualità del lavoro dei Supervisori e chiede chiarimenti circa ogni aspetto o sintomo non ben definiti.
– Decide insieme a loro l’eventuale interruzione dell’esperimento da parte di un Prover.
– Invia i sintomi al Direttore e comunica periodicamente con lui circa lo svolgimento dell’esperimento.

I SUPERVISORI
– Sono medici omeopati di comprovata esperienza. A loro spetta il compito più faticoso del Proving.
– Ogni Supervisore segue da due ad un massimo di cinque Provers.

SCHEDA DEL PROVER
– Deve essere redatta per ciascun Prover prima dell’inizio del Proving.

CONTATTI CON I PROVERS
– Il Supervisore incontra ogni Prover una volta a settimana: esamina con il Prover i sintomi registrati; evidenzia i segni obiettivi del Prover, che costituiscono parte integrante e preziosa della sintomatologia.

CONTATTI CON IL COORDINATORE
Ogni 7 giorni il Supervisore invia al Coordinatore copia dei diari dei singoli Prover. Segnala ogni anomalia e valuta insieme la sospensione della sperimentazione o la somministrazione di un antidoto.

I PROVERS
– Sono soggetti maggiorenni, in buone condizioni generali di salute e con assenza di patologie acute o croniche in atto.
– DIARIO PRE-PROVING
– E’ il diario dove il Prover si esercita a trascrivere i suoi sintomi per almeno 7 giorni prima del Proving.

DIARIO DEI SINTOMI
E’ il diario dove vengono registrati i sintomi del Proving vero e proprio.

INCONTRI CON IL SUPERVISORE
Sono incontri diretti, settimanali, per esaminare le note sintomatiche e precisarle e per rilevare da parte del Supervisore gli eventuali sintomi oggettivi, molto importanti per il risultato finale. Oltre questo incontro diretto settimanale, il Prover può comunicare in ogni modo anche quotidianamente con il proprio Supervisore. Ogni quesito va chiarito, ogni sintomo indefinito va precisato.

ASSUNZIONE DELLA SOSTANZA
La sostanza da sperimentare viene fornita in soluzione idroalcolica, in un flacone. La scelta del flacone è random. La somministrazione viene effettuata nella quantità di 5 gocce per 4 volte al giorno per un massimo di 7 giorni. La prima somministrazione avviene al mattino, dopo il risveglio, facendo cadere 5 gocce della sostanza direttamente sulla lingua o in cucchiaio di plastica con poca acqua, mantenendo la soluzione in bocca per almeno un minuto. Le somministrazioni successive avvengono ogni sei ore circa, nella medesima modalità, dopo aver scosso energicamente il flacone per 10 volte. Si sospende l’assunzione della sostanza alla comparsa del primo sintomo – sia fisico, che mentale/emozionale – sufficientemente rilevante ed inusuale, oppure al termine dei 7 giorni stabiliti. E’ bene evitare l’assunzione di cibo, alcol, fumo, caffè e simili per 30 minuti prima e dopo ogni assunzione.

IDENTIFICAZIONE DEI SINTOMI
Ogni Prover ha una sigla identificativa, che può essere formata dalle proprie iniziali.
Tale sigla deve essere riportata in ogni sintomo registrato, insieme all’ora in cui il sintomo è comparso, al giorno/i della sperimentazione, ed alla tipologia del sintomo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.