Raggiunto 1% del mercato farmaceutico


Fonte: AGI del: 19 03 2009

RAGGIUNTO L’1%  DEL MERCATO FARMACEUTICO
OMEOPATIA: 23, 4% ITALIANI E 29% EUROPEI VI FA  RICORSO

(AGI) – Roma, 18 mar – Il 23,4% degli italiani e il 29% dei  cittadini europei fa ricorso all’omeopatia. L’Italia e’ il terzo mercato  europeo dopo Francia e Germania. Lo Stato italiano nel 2007 ha incassato 40  milioni di euro dalle aliquote fiscali derivanti dalla vendita di prodotti  omeopatici. I medicinali omeopatici rappresentano ormai l’1% dell’intero  mercato farmaceutico europeo, con un aumento annuo medio del 5%. Sono dati  resi noti dalla Fiamo, la Federazione italiana delle associazioni e dei medici  omeopati, in base a delle ricerche del Censis e della Commissione europea. Dal  2 al 4 aprile si terra’ la Giornata mondiale dell’omeopatia. La Fiamo  organizzera’ manifestazioni in 12 citta’ italiane: Torino, Milano, Verona,  Trieste, Bologna, Genova, Firenze, Ancona, Roma, Napoli, Barletta e Catania.  Nelle piazze di queste citta’ saranno presenti gazebo per fornire informazioni  e distribuire materiale informativo e notizie sull’attivita’ della Fiamo.  “Nonostante la crisi economica, l’omeopatia e’ un settore in continua  espansione – dichiara Francesco Marino, vicepresidente della Fiamo – il  consenso della popolazione e’ crescente sia per l’efficacia dimostrata in  un’ampia gamma di patologie sia per l’assenza di effetti collaterali. A Roma  il prossimo 4 aprile celebreremo la Giornata mondiale dell’omeopatia presso le  sale della Citta’ dell’altra economia a Testaccio. Verra’ lanciata la raccolta  di fondi per la ricerca clinica in omeopatia. L’obiettivo sara’ quello di  allestire degli studi clinici per dimostrare, anche a livello sperimentale,  l’efficacia clinica dell’omeopatia”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.