Governo britannico favorevole all’Omeopatia

Il Governo britannico respinge la richiesta del Parlamento di rimuovere i farmaci omeopatici dalla copertura pubblica


Il Governo britannico ha assunto una posizione favorevole rispetto ai trattamenti omeopatici, in risposta a un documento del Science and technology committee (Stc) del parlamento britannico che ne chiedeva la rimozione dalla copertura della sanità pubblica.

Nei primi mesi dell”anno, infatti, la commissione parlamentare britannica ha deliberato un documento in cui i prodotti omeopatici sono stati paragonati a trattamenti placebo. In un articolato documento il Governo risponde punto per punto al report del Stc, e – pur sottolineando la necessità di procedere nella validazione degli strumenti terapeutici solo in base alle evidenze scientifiche – afferma di voler mantenere immutata la propria posizione in merito al ruolo dell”omeopatia nel National health service.

Tra i punti fermi riportati: la necessità di informare i pazienti in modo adeguato per poter garantire il diritto a compiere una scelta consapevole; se medico ritiene che un trattamento omeopatico sia il più idoneo, il Servizio sanitario deve fornirlo al paziente.

Il Regno Unito, come tutti gli stati membri, deve rispettare le regolamentazioni dell”Unione Europea, che con una propria Direttiva vincolante del 2004 ha parificato i farmaci omeopatici a quelli di sintesi chimica. «Il Governo britannico crede che il metodo più efficacie per assicurare esiti di qualità, soddisfazione del paziente e un utilizzo appropriato dei fondi del Nhs sia garantire un”informazione adeguata».

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.